18 Ottobre 2015 – Inizio del ministero del Vescovo Claudio

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

18 Ottobre 2015 – Inizio del ministero del Vescovo Claudio

Messaggio  Maurizio.Pengo il Gio 5 Nov - 0:33

18 Ottobre 2015 – Inizio del ministero del Vescovo Claudio.
Dopo l’ordinazione episcopale avvenuta a Mantova il 27 settembre 2015, il vescovo Claudio Cipolla ha iniziato il suo ministero di Vescovo di Padova domenica 18 ottobre, festa di san Luca evangelista.


Con un rito solenne e una cattedrale gremita di fedeli la Chiesa di Padova ha accolto il suo nuovo vescovo, Claudio Cipolla, mantovano. È stata un’accoglienza davvero festosa, coinvolgente, che ha unito l’ufficialità dell’avvenimento alla familiarità dei gesti e delle parole.
La domenica del suo ingresso a Padova il vescovo Claudio l’aveva cominciata in mattinata con una preghiera sulla tomba di Sant’Antonio, patrono di Padova, recitando le Lodi con i frati della Basilica del Santo. Poi si era recato, sempre in forma privata, in Basilica di Santa Giustina per pregare sulla tomba di San Luca nel giorno della sua festa. Infine si era recato Sarmeola per una visita molto significativa agli ospiti dell’Opera della Divina Provvidenza e alla Casa Madre Teresa di Calcutta per un saluto alle autorità cittadine e ai sindaci del territorio diocesano.
Ma il momento decisamente più toccante è stato vissuto con tutto il popolo nel pomeriggio in Duomo. Durante la messa solenne il Patriarca di Venezia, Francesco Moraglia, ha consegnato il pastorale al Vescovo, Claudio, lo ha invitato a sedersi sulla cattedra che fu di San Prosdocimo e lo ha proclamato ufficialmente Vescovo di Padova. Tutti i presenti con evidente commozione hanno sottolineato il momento con uno scrosciante applauso. Nella sua omelia il Vescovo Claudio ha subito chiarito di essere venuto per servire la Chiesa di Padova, senza velleità di potere, rinunciando a titoli e onorificenze, con stile fraterno, in obbedienza assoluta al Vangelo. Ha offerto il suo impegno e la sua disponibilità a collaborare con i sacerdoti, i religiosi e i laici nella logica del servizio, camminando insieme per promuovere la giustizia e costruire fraternità. A sua volta ha chiesto a tutti aiuto e collaborazione e soprattutto sostegno e vicinanza con la preghiera, nella consapevolezza che il cammino non sarà certo facile in una realtà complessa e con una società in rapida trasformazione. Le aspettative noi confronti del nuovo vescovo sono molte. Ma le premesse sembrano essere già una garanzia che Padova con il suo nuovo vescovo potrà fare un buon cammino.

Lo stemma del vescovo Claudio Cipolla


Per tradizione i vescovi della Chiesa cattolica scelgono uno stemma araldico composto da uno scudo, (contenente figure simboliche); una croce astile posta dietro lo scudo, un cappello prelatizio con cordoni a dodici fiocchi di colore verde e un cartiglio recante il motto episcopale.
Lo scudo del vescovo Claudio è diviso verticalmente in due parti, la prima di colore rosso e la seconda d’argento.
Il campo rosso compare una brocca che fa riferimento a San Prosdocimo, primo vescovo e patrono della Diocesi di Padova, considerato il primo evangelizzatore dell’area veneta.
Il campo d’argento è cosparso di gocce di sangue e fa riferimento alla Diocesi di Mantova che conserva le preziose reliquie del Sangue di Cristo raccolte dal centurione Longino.
Il motto Confide, surge vocat te fa riferimento ad un passo del vangelo di Marco (10,49) che narra dell’incontro tra Gesù e il cieco Bartimèo che sedeva lungo la strada a mendicare; al passaggio di Gesù costui grida a gran voce affinché il Maestro gli ridoni la vista e quando Gesù chiede che gli sia portato davanti, quanti gli stanno appresso lo esortano ad alzarsi dicendo: “Coraggio, alzati, ti chiama!”.
avatar
Maurizio.Pengo

Messaggi : 13
Data d'iscrizione : 16.09.15
Età : 55
Località : Legnaro

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

INIZIO DEL MINISTERO D VESC CLAUDIO

Messaggio  don.battista il Mar 17 Nov - 10:49

Maurizio.Pengo ha scritto:18 Ottobre 2015 – Inizio del ministero del Vescovo Claudio.
Dopo l’ordinazione episcopale avvenuta a Mantova il 27 settembre 2015, il vescovo Claudio Cipolla ha iniziato il suo ministero di Vescovo di Padova domenica 18 ottobre, festa di san Luca evangelista.


Con un rito solenne e una cattedrale gremita di fedeli la Chiesa di Padova ha accolto il suo nuovo vescovo, Claudio Cipolla, mantovano. È stata un’accoglienza davvero festosa, coinvolgente, che ha unito l’ufficialità dell’avvenimento alla familiarità dei gesti e delle parole.
La domenica del suo ingresso a Padova il vescovo Claudio l’aveva cominciata in mattinata con una preghiera sulla tomba di Sant’Antonio, patrono di Padova, recitando le Lodi con i frati della Basilica del Santo. Poi si era recato, sempre in forma privata, in Basilica di Santa Giustina per pregare sulla tomba di San Luca nel giorno della sua festa. Infine si era recato a Sarmeola per una visita molto significativa agli ospiti dell’Opera della Divina Provvidenza e alla Casa Madre Teresa di Calcutta per un saluto alle autorità cittadine e ai sindaci del territorio diocesano.
Ma il momento decisamente più toccante è stato vissuto con tutto il popolo nel pomeriggio in Duomo. Durante la messa solenne il Patriarca di Venezia, Francesco Moraglia, ha consegnato il pastorale al Vescovo, Claudio, lo ha invitato a sedersi sulla cattedra che fu di San Prosdocimo e lo ha proclamato ufficialmente Vescovo di Padova. Tutti i presenti con evidente commozione hanno sottolineato il momento con uno scrosciante applauso. Nella sua omelia il Vescovo Claudio ha subito chiarito di essere venuto per servire la Chiesa di Padova, senza velleità di potere, rinunciando a titoli e onorificenze, con stile fraterno, in obbedienza assoluta al Vangelo. Ha offerto il suo impegno e la sua disponibilità a collaborare con i sacerdoti, i religiosi e i laici nella logica del servizio, camminando insieme per promuovere la giustizia e costruire fraternità. A sua volta ha chiesto a tutti aiuto e collaborazione e soprattutto sostegno e vicinanza con la preghiera, nella consapevolezza che il cammino non sarà certo facile in una realtà complessa e con una società in rapida trasformazione. Le aspettative nei confronti del nuovo vescovo sono molte. Ma le premesse sembrano essere già una garanzia che Padova con il suo nuovo vescovo potrà fare un buon cammino.

Lo stemma del vescovo Claudio Cipolla

Per tradizione i vescovi della Chiesa cattolica scelgono uno stemma araldico composto da uno scudo, (contenente figure simboliche); una croce astile posta dietro lo scudo, un cappello prelatizio con cordoni a dodici fiocchi di colore verde e un cartiglio recante il motto episcopale.
Lo scudo del vescovo Claudio è diviso verticalmente in due parti, la prima di colore rosso e la seconda d’argento.
Nel campo rosso compare una brocca che fa riferimento a San Prosdocimo, primo vescovo e patrono della Diocesi di Padova, considerato il primo evangelizzatore dell’area veneta.
Il campo d’argento è cosparso di gocce di sangue e fa riferimento alla Diocesi di Mantova che conserva le preziose reliquie del Sangue di Cristo raccolte dal centurione Longino.
Il motto "Confide, surge, vocat te" fa riferimento ad un passo del vangelo di Marco (10,49) che narra dell’incontro tra Gesù e il cieco Bartimèo che sedeva lungo la strada a mendicare; al passaggio di Gesù costui grida a gran voce affinché il Maestro gli ridoni la vista e quando Gesù chiede che gli sia portato davanti, quanti gli stanno appresso lo esortano ad alzarsi dicendo: “Coraggio, alzati, ti chiama!”.

don.battista

Messaggi : 487
Data d'iscrizione : 08.02.12
Età : 77
Località : Madonna delle grazie - Piove di sacco PD

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum