Adorazione continua

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Adorazione continua

Messaggio  federico.meneghello il Mar 7 Mar - 6:40


Accanto al Duomo di Piove di Sacco sorge l’antica chiesa di S. Maria dei Penitenti, chiamata dalla popolazione chiesuola per le sue modeste dimensioni, abbellita dal trecentesco affresco di scuola giottesca rappresentante la Dormizione della Vergine. Qui ebbe inizio il 14 gennaio 2013 l’adorazione continua. Ogni giorno, dalle ore 8 alle 20, dal lunedì al venerdì, rimane esposto il Santissimo Sacramento. Una ottantina di persone si sono prese l’impegno di un’ora settimanale di adorazione, garantendo così che “il Signore non resti mai solo” come si esprime familiarmente la gente. Ma sono molti altri quelli che, durante il giorno, entrano per una preghiera, qualche minuto di raccoglimento e di contemplazione. Vengono in centro per la spesa, per una passeggiata o prendere un caffè assieme agli amici e prima di ritornare a casa sentono il desiderio, forse anche la necessità di questa sosta davanti al Signore. Qualcuno prega con un libro o un foglio in mano, altri guardano in silenzio l’eucaristia illuminata. Mi viene spesso in mente l’episodio che si legge nella vita del S. Curato d’Ars. Ogni sera vedeva un contadino che si fermava in chiesa, portando con sé gli attrezzi del lavoro: guardava fisso il tabernacolo. Una sera il santo curato chiese: “Che cosa fate buon uomo, qui tutte le sere?”. “Io lo guardo e lui mi guarda” fu la bellissima risposta.
Ogni tanto spunta il desidero di prolungare l’adorazione anche nelle ore notturne. Per il momento non vediamo la cosa possibile, ma in qualche circostanza particolare è stato fatto, come all’inizio e alla conclusione del Giubileo, nella notte del Mercoledì delle Ceneri e del Giovedì Santo.
Normalmente l’adorazione è silenziosa. In Avvento e in Quaresima c’è un’ora di adorazione guidata alle ore 21. Che età hanno le persone che vengono a pregare? Si tratta per lo più di anziani e adulti, ma non manca anche qualche giovane. Succede pure, talvolta, che il gruppo giovani si prenda l’impegno di un’ora di adorazione. E allora mi viene in mente quel salmo che una volta si diceva all’inizio della messa in latino, e che era così difficile da imparare a memoria: “Introibo ad altare Dei, ad Deum qui laetificat juventutem meam”. Verrò all’altare di Dio, a Dio che rallegra la mia giovinezza. Dio non toglie nulla alla nostra umanità, alla nostra dignità, alla nostra gioia di vivere, come qualcuno è tentato di pensare. Invece tutto con lui diventa più luminoso e saporito, anche la nostra giovinezza. Ogni anno ricordiamo l’anniversario dell’inizio dell’adorazione e in quel giorno gli adoratori, quelli che si sono presi l’impegno di un’ora settimanale di adorazione, ricevono il mandato e rinnovano il loro impegno. Per loro, ogni anno, prevediamo anche due incontri domenicali di riflessione, di preghiera e di amicizia Ogni tanto qualcuno si ritira per motivi familiari o di salute, ma altri si aggiungono. Speriamo che il loro numero cresca e che, per la loro umile preghiera, la benedizione del Signore scenda sulle nostre comunità parrocchiali, sulle nostre famiglie portando conforto e speranza.

avatar
federico.meneghello
Admin
Admin

Messaggi : 125
Data d'iscrizione : 10.02.12
Età : 59
Località : piove di sacco

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

adorazione continua

Messaggio  don.battista il Ven 10 Mar - 9:45

federico.meneghello ha scritto:
Accanto al Duomo di Piove di Sacco sorge l’antica chiesa di S. Maria dei Penitenti, chiamata dalla popolazione chiesuola per le sue modeste dimensioni, abbellita dal trecentesco affresco di scuola giottesca rappresentante la Dormizione della Vergine. Qui ebbe inizio il 14 gennaio 2013 l’adorazione continua. Ogni giorno, dalle ore 8 alle 20, dal lunedì al venerdì, rimane esposto il Santissimo Sacramento. Una ottantina di persone si sono prese l’impegno di un’ora settimanale di adorazione, garantendo così che “il Signore non resti mai solo” come si esprime familiarmente la gente. Ma sono molti altri quelli che, durante il giorno, entrano per una preghiera, qualche minuto di raccoglimento e di contemplazione. Vengono in centro per la spesa, per una passeggiata o prendere un caffè assieme agli amici e prima di ritornare a casa sentono il desiderio, forse anche la necessità di questa sosta davanti al Signore. Qualcuno prega con un libro o un foglio in mano, altri guardano in silenzio l’eucaristia illuminata. Mi viene spesso in mente l’episodio che si legge nella vita del S. Curato d’Ars. Ogni sera vedeva un contadino che si fermava in chiesa, portando con sé gli attrezzi del lavoro: guardava fisso il tabernacolo. Una sera il santo curato chiese: “Che cosa fate buon uomo, qui tutte le sere?”. “Io lo guardo e lui mi guarda” fu la bellissima risposta.
Ogni tanto spunta il desidero di prolungare l’adorazione anche nelle ore notturne. Per il momento non vediamo la cosa possibile, ma in qualche circostanza particolare è stato fatto, come all’inizio e alla conclusione del Giubileo, nella notte del Mercoledì delle Ceneri e del Giovedì Santo.
Normalmente l’adorazione è silenziosa. In Avvento e in Quaresima c’è un’ora di adorazione guidata alle ore 21. Che età hanno le persone che vengono a pregare?  Si tratta per lo più di anziani e adulti, ma non manca anche qualche giovane. Succede pure, talvolta, che il gruppo giovani si prenda l’impegno di un’ora di adorazione. E allora mi viene in mente quel salmo che una volta si diceva all’inizio della messa in latino, e che era così difficile da imparare a memoria: “Introibo ad altare Dei, ad Deum qui laetificat juventutem meam”. Verrò all’altare di Dio, a Dio che rallegra la mia giovinezza. Dio non toglie nulla alla nostra umanità, alla nostra dignità, alla nostra gioia di vivere, come qualcuno è tentato di pensare. Invece tutto con lui diventa più luminoso e saporito, anche la nostra giovinezza. Ogni anno ricordiamo l’anniversario dell’inizio dell’adorazione e in quel giorno gli adoratori, quelli che si sono presi l’impegno di un’ora  settimanale di adorazione, ricevono il mandato e rinnovano il loro impegno. Per loro, ogni anno, prevediamo anche due incontri domenicali di riflessione, di preghiera e di amicizia. Ogni tanto qualcuno si ritira per motivi familiari o di salute, ma altri si aggiungono. Speriamo che il loro numero cresca e che, per la loro umile preghiera, la benedizione del Signore scenda sulle nostre comunità parrocchiali, sulle nostre famiglie portando conforto e speranza.

------------------------------------------- tutto bene. ok D.Batt

don.battista

Messaggi : 495
Data d'iscrizione : 08.02.12
Età : 77
Località : Madonna delle grazie - Piove di sacco PD

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum