editoriale giugno 2018

Andare in basso

editoriale giugno 2018

Messaggio  don.battista il Gio 7 Giu - 21:34

Parlo e non mi sentono … parlano e non ci sento!
 Non è una situazione consolante …!
 Forse ho una voce s-tonata, o sotto-tonata; non è una voce sommessa o bisbigliata, è una voce non supportata da tono vigoroso sufficiente per giungere agli orecchi di chi mi sta accanto. Per esempio:  cerco di prendere la parola in assemblea, comincio a parlare e un altro con la voce più decisa prevale sul mio intervento perché non mi ha sentito; altro esempio: parlo con l’amplificatore, ma al termine mi suggeriscono di stare più vicino al microfono; e ancora: sono in colloquio con una persona vicina e  mi accorgo che le mie parole vanno a vuoto. Chi sa! Forse con la protesi che uso percepisco la mia voce  già squillante inducendomi a tenerla bassa per chi mi ascolta.
  Dio vuole che almeno in confessionale – un piccolo stanzino che permette di comunicare a due in segreto - tutto scorra liscio: riesco a sentire chi si confida ed egli ascolta i miei suggerimenti; può anche essere merito dello Spirito di Dio che fa da interprete!

 Meno consolante ancora è quando qualcuno mi parla e non ci sento: colpa della carenza di decibel del mio udito, ma anche di chi parla a denti stretti o con le labbra socchiuse, o di chi ha fretta di dire tutto e accavalla le parole, o di chi tiene la mano sulla bocca mentre parla.
Non voglio attenuanti!: il mio udito ha bisogno di ausili che ricuperino buona parte – non certo il 100% - dei suoni.
Nel settore audio la tecnica ha raggiunto  risultati eccellenti sia per la ipoacusia, sia per la diffusione di voci e musiche nelle grandi assemblee. In qualche occasione però  sembra che il volume sia esagerato, contribuendo a creare barriere acustiche …invece di abbatterle.
 Concludendo: PAROLA e  ASCOLTO sono elementi essenziali del nostro rapporto con le persone; con la parola (anche con la bestemmia) diciamo tutto di noi, manifestiamo quello che siamo ; con l’ascolto partecipiamo all’interiorità di chi ci parla. Così  Gesù che parla e gli Apostoli che ascoltano; così  Maria sorella di Marta. Meglio ancora, l’esempio di Maria di Nazareth: l’Angelo le ha parlato e Lei ha ascoltato ed ha risposto;  Gesù  chiama, e gli Apostoli lo seguono … Qui non siamo a livello di chiacchiere di piazza, di mormorazioni, di supposizioni, di discussioni inconcludenti. La Parola produce il suo effetto.
 Non possiamo buttare la PAROLA al vento
 Non per niente il Figlio di Dio si è fatto PAROLA.-------------------------------------------------------------
riveduto. Ok don Battista

don.battista

Messaggi : 552
Data d'iscrizione : 08.02.12
Età : 78
Località : Madonna delle grazie - Piove di sacco PD

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum