Madre Teresa: un abbraccio ecumenico

Andare in basso

Madre Teresa: un abbraccio ecumenico

Messaggio  federico.meneghello il Dom 22 Lug - 7:25


Il frutto del silenzio è la preghiera
Il frutto della preghiera è la fede
Il frutto della fede è l’amore
Il frutto dell’amore è il servizio
Il frutto del servizio è la pace

Così desidero iniziare questo mio testo sulla piccola grande figura di Madre Teresa di Calcutta e di quello che può significare in termini ecumenici per il cammino di ogni donna e di ogni uomo oggi. Queste cinque righe citate, stampate su dei cartoncini, distribuiti alla gente, erano di un suo ammiratore indiano e indicano la direzione del lavoro e del “cammino semplice” di Madre Teresa. Diceva di se stessa : “Per sangue e origini sono albanese pura. Per cittadinanza sono indiana. Come suora sono cattolica. Per vocazione appartengo a tutto il mondo. E quanto al mio cuore, sono tutta del cuore di Gesù” . È proprio di questo cuore che vorrei parlare perché è lì la Sorgente del suo credo, del suo lavoro, della sua straordinaria umanità che tocca l’universale della persona in quell’abbraccio ecumenico che tenterò di delineare.
La biografia di Madre Teresa è facilmente consultabile, e così le notizie sulla sua “chiamata nella chiamata” come dice lei stessa. Qui rilevo solo l’importanza della figura materna, donna di grande fede, e l’incontro con un Gesuita all’inizio del delinearsi della sua vocazione. Ma torniamo al cuore di Madre Teresa.
Il cuore è luogo dell’incontro profondo con se stessi, con Dio e con ogni persona, luogo “della corresponsabilità con Dio e con l’uomo inserito nel mondo, luogo sintesi del nostro sentire, agire ed operare, dell’Incontro fra immanenza e trascendenza, il luogo della nostra piena umanizzazione, non solo personale ma di ogni uomo: umanizzarsi per umanizzare” (Arturo Cecchele, Crescita e esperienza di trascendenza). Il cuore è luogo ecumenico per eccellenza dove non contano più confessioni, dottrine ma la creatura nella sua bellezza e finitezza dinanzi al suo Creatore, nel suo Creatore, con quello che di nuovo e sorprendente, di forza ed energia si può rivelare, liberare per avanzare in questa Relazione, la relazione con se stessi, la relazione con i fratelli.
Parlando della “piccola matita di Dio”, cosi si vedeva Madre Teresa, un giovane testimone afferma: “Era in grado di parlare da uguale con noi come con chiunque altro. Fu questo, credo, a farci impressione: era sulla nostra lunghezza d’onda… Con chiunque stia parlando, per lei quella persona diventa la più importante, non importa se sia un presidente o il signor Rossi” . È la persona alla quale si rivolgeva, all’essere umano, al fratello, alla sorella, indipendentemente dalla sua condizione sociale, economica, religiosa. Madre Teresa precisava: “Ho sempre detto che dovremmo aiutare un indù e divenire un migliore indù, un musulmano, a divenire un migliore musulmano, un cattolico a divenire un migliore cattolico”; e ancora: ”Il nostro lavoro è quello di incoraggiare cristiani e non cristiani a fare opere d’amore. E ogni opera d’amore, fatta con tutto il cuore, porta sempre la gente più vicino a Dio”.
Il cuore, l’amore, Papa Francesco vede Madre Teresa come un’ “instancabile operatrice di misericordia che ci aiuta a capire sempre più che l’unico nostro criterio di azione è l’amore gratuito libero da ogni ideologia e da ogni vincolo e riversato verso tutti senza distinzione di lingua, cultura, razza o religione”.
Tutto questo passa naturalmente nel suo modo di pregare con le sorelle e con tutti coloro che arrivano, sono accolti, dimorano nelle Case delle Missionarie della Carità, fondate dal carisma di Madre Teresa. E la sua grande devozione alla Madonna, a Maria è per lei e le sue Missionarie la via femminile della fiducia piena al cuore di Gesù. Così le meditazioni di questa piccola grande donna consacrata sono “noccioli di verità, di profonda saggezza e introspezione spirituale”.
E noi, rivolti a Maria, lasciandoci abitare dall’Assoluto, possiamo permettere al silenzio, alla preghiera, alla contemplazione quell’abbraccio ecumenico del cuore che può trasformarsi in Vita concreta d’amore gratuito, servizio e pace per l’Umanità.
Madre Teresa (1910 – 1997) è Premio Nobel per la Pace nel 1979, proclamata beata da Papa Giovanni Paolo II nel 2003, proclamata santa da Papa Francesco nel 2016.

Luglio 2018 Susanna Zancanaro

Pace d’Amore

Bianca colomba
nel mio sogno
voli sull’onda del mare
segno di pace
per ogni donna, uomo
di questo mondo

E cristiani, musulmani,
ebrei, buddisti e indiani
tutti percorriamo un cammino

E al di là dei nomi, confessioni, dottrine
è l’umano spirituale che ha in sé
sostanza e legge divina,
è l’umano spirituale
che più all’Altro ci avvicina

il cuore umano,
nell’Amore gratuito dell’Essere
che sazia fame e sete,
quando ama, si dona e si lascia amare
libero nella Pace.
sz
avatar
federico.meneghello
Admin
Admin

Messaggi : 180
Data d'iscrizione : 10.02.12
Età : 60
Località : piove di sacco

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Madre Teresa

Messaggio  don.battista il Dom 29 Lug - 17:46

federico.meneghello ha scritto:
Il frutto del silenzio è la preghiera
Il frutto della preghiera è la fede
Il frutto della fede è l’amore
Il frutto dell’amore è il servizio
Il frutto del servizio è la pace

Così desidero iniziare questo mio testo sulla piccola grande figura di Madre Teresa di Calcutta e di quello che può significare in termini ecumenici per il cammino di ogni donna e di ogni uomo oggi. Queste cinque righe citate, stampate su dei cartoncini, distribuiti alla gente, erano di un suo ammiratore indiano e indicano la direzione del lavoro e del  “cammino semplice” di Madre Teresa.  Diceva di se stessa : “Per sangue e origini sono albanese pura. Per cittadinanza sono indiana. Come suora sono cattolica. Per vocazione appartengo a tutto il mondo. E quanto al mio cuore, sono tutta del cuore di Gesù” . È proprio di questo cuore che vorrei parlare perché è lì la Sorgente del suo credo, del suo lavoro, della sua straordinaria umanità che tocca l’universale della persona in quell’abbraccio ecumenico che tenterò di delineare.
La biografia di Madre Teresa è facilmente consultabile, e così le notizie sulla sua “chiamata nella chiamata” come dice lei stessa. Qui rilevo solo l’importanza della figura di sua madre, donna di grande fede, e  l’incontro con un Gesuita all’inizio del delinearsi della sua vocazione. Ma torniamo al cuore di Madre Teresa.
Il cuore è luogo dell’incontro profondo con se stessi, con Dio e con ogni persona, luogo “della corresponsabilità con Dio e con l’uomo inserito nel mondo, luogo sintesi del nostro sentire, agire ed operare, dell’incontro fra immanenza e trascendenza, il luogo della nostra piena umanizzazione, non solo personale ma di ogni uomo: umanizzarsi per umanizzare” (Arturo Cecchele, Crescita e esperienza di trascendenza). Il cuore è luogo ecumenico per eccellenza dove non contano più confessioni, dottrine ma la creatura nella sua bellezza e finitezza dinanzi al suo Creatore, nel suo Creatore, con quello che di nuovo e sorprendente, di forza ed energia si può rivelare, liberare per avanzare in questa relazione, la relazione con se stessi, la relazione con i fratelli.  
Parlando della “piccola matita di Dio”, così si definiva Madre Teresa, un giovane testimone afferma: “Era in grado di parlare da uguale con noi come con chiunque altro. Fu questo, credo, a farci impressione: era sulla nostra lunghezza d’onda… Con chiunque stia parlando, per lei quella persona diventa la più importante, non importa se sia un presidente o il signor Rossi” . È la persona alla quale  si rivolgeva, all’essere umano, al fratello, alla sorella, indipendentemente dalla sua condizione sociale, economica, religiosa. Madre Teresa precisava: “Ho sempre detto che dovremmo aiutare un indù a divenire un migliore indù, un musulmano a divenire un migliore musulmano, un cattolico a divenire un migliore cattolico”; e ancora: ”Il nostro lavoro è quello di incoraggiare cristiani e non cristiani a fare opere d’amore. E ogni opera d’amore, fatta con tutto il cuore, porta sempre la gente più vicino a Dio”.
Il cuore, l’amore! Papa Francesco vede Madre Teresa come un’ “instancabile operatrice di misericordia che ci aiuta a capire sempre più che l’unico nostro criterio di azione è l’amore gratuito, libero da ogni ideologia e da ogni vincolo e riversato verso tutti senza distinzione di lingua, cultura, razza o religione”.
Tutto questo passa naturalmente nel suo modo di pregare con le sorelle e con tutti coloro che  arrivano, sono accolti, dimorano nelle Case delle Missionarie della Carità, fondate dal carisma di Madre Teresa.  E la sua grande devozione alla Madonna: Maria è per lei e le sue Missionarie la via femminile della fiducia piena al cuore di Gesù.  Così le meditazioni di questa piccola grande donna consacrata sono “noccioli di verità, di profonda saggezza e introspezione spirituale”.
E noi, rivolti a Maria, lasciandoci abitare dall’Assoluto, possiamo permettere al silenzio, alla preghiera, alla contemplazione quell’abbraccio ecumenico del cuore che può trasformarsi in Vita concreta d’amore gratuito, servizio e pace per l’Umanità.
Madre Teresa (1910 – 1997) è Premio Nobel per la Pace nel 1979, proclamata beata da Papa Giovanni  Paolo II nel 2003, proclamata santa da Papa Francesco nel 2016.

Luglio 2018     Susanna Zancanaro

--------------------------------------------------letto, riveduto, corretto - ok d.Battista

Pace d’Amore

Bianca colomba
nel mio sogno
voli sull’onda del mare
segno di pace
per ogni donna, uomo
di questo mondo

E cristiani, musulmani,
ebrei, buddisti e indiani
tutti percorriamo un cammino

E al di là dei nomi, confessioni, dottrine
è l’umano spirituale che ha in sé
sostanza e legge divina,
è l’umano spirituale
che più all’Altro ci avvicina

il cuore umano,
nell’Amore gratuito dell’Essere
che sazia fame e sete,
quando ama, si dona e si lascia amare
libero nella Pace.
sz

don.battista

Messaggi : 552
Data d'iscrizione : 08.02.12
Età : 78
Località : Madonna delle grazie - Piove di sacco PD

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum