EDITORIALE

Andare in basso

EDITORIALE

Messaggio  federico.meneghello il Ven 4 Gen - 12:57



Carissimi lettori, lettrici e devoti del santuario,
con questo numero del bollettino iniziamo una nuova strada ringraziando anzitutto coloro che fino ad ora hanno collaborato con questa direzione perché la nostra piccola rivista fosse sempre attenta e ben fatta.
Abbiamo provveduto in questi mesi a un rinnovamento dell’aspetto grafico cercando di renderlo più semplice e immediato, più leggibile e gradevole anche per chi ha problemi di vista.
Inoltre i contenuti saranno da un lato attenti a suggerire tematiche mariane che stiamo scegliendo con cura tra quante possono essere di interesse diffuso, allo stesso tempo avremo una attenzione particolare per la vita del santuario raccontando con testi e immagini quanto viviamo quotidianamente così da comunicare a tutti gli abbonati quanto il nostro santuario è amato da devoti vicini e lontani.
Un altro aspetto che cureremo sarà di raccontare, nei termini che ci sarà possibile, come il santuario stia sviluppando delle caratteristiche in sintonia con altri santuari della diocesi.
Si tratta di questo:
tutti i santuari sono luoghi di riferimenti specie per la devozione personale e di gruppo, ma in realtà sono anche luoghi dove i cercatori di spirito o anche i malati nell’anima cercano rifugio e ristoro.
Ecco allora una delle caratteristiche che svilupperemo nei prossimi anni: che il santuario diventi una clinica dello spirito. Per il corpo e per la mente la società provvede ad intervenire in caso di malattie con cure adeguate. Per lo spirito è necessario intervenire per quanto riguarda le numerose malattie spirituali che affliggono le persone del nostro tempo.
Papa Francesco ha segnalato in più occasioni alcuni elenchi di malattie spirituali. Ha indicato anche la necessità, per tutti, di combatterle e di curarle. Noi ci proponiamo di essere luogo di attenzione, ascolto e cura delle malattie dello spirito.
Certo non si potranno raccontare in pubblico, ma segnaleremo comunque di volta in volta quali malattie o sofferenze dell’anima affliggono le persone del nostro tempo. Esserne consapevole è già tanto.
Terremo poi conto di quanto nella chiesa si sta muovendo sia a livello locale che a livello diocesano e italiano.
Siamo convinti che cogliere i segnali di futuro, che esistono, aiuti a coltivare la fiducia e la speranza, a superare le difficoltà che ci vengono da un passato che stenta a lasciare il passo al futuro, a non fidarci del solo presente anche se offre soddisfazioni e gratificazioni.
Sapendo che troveremo sostegno e aiuto in molti, ringraziamo tutti in anticipo.

p. Cristiano Cavedon, rettore
federico.meneghello
federico.meneghello
Admin
Admin

Messaggi : 209
Data d'iscrizione : 10.02.12
Età : 60
Località : piove di sacco

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

editoriale gennaio 2019

Messaggio  CristianoCavedon il Mar 15 Gen - 18:54

Carissimi lettori, lettrici e devoti del santuario,
con questo numero del bollettino iniziamo una nuova strada ringraziando anzitutto coloro che fino ad ora hanno collaborato con questa direzione perché la nostra piccola rivista fosse sempre attenta e ben fatta.
Abbiamo provveduto in questi mesi a un rinnovamento dell’aspetto grafico cercando di renderlo più semplice e immediato, più leggibile e gradevole anche per chi ha problemi di vista.
Inoltre i contenuti saranno dedicati a suggerire tematiche mariane che stiamo scegliendo con cura tra quante possono essere di interesse diffuso, allo stesso tempo avremo una attenzione particolare per la vita del santuario raccontando con testi e immagini quanto viviamo quotidianamente così da comunicare a tutti gli abbonati quanto il nostro santuario sia amato da devoti vicini e lontani.
Un altro aspetto cui dedicheremo particolare cura sarà di raccontare, nei termini che ci sarà possibile, come il santuario stia sviluppando delle caratteristiche in sintonia con altri santuari della diocesi.
Si tratta di questo:
tutti i santuari sono luoghi di riferimento specie per la devozione personale e di gruppo, ma in realtà sono anche luoghi dove i cercatori di spirito o anche i malati nell’anima cercano rifugio e ristoro.
Ecco allora una delle caratteristiche che svilupperemo nei prossimi anni: che il santuario diventi una “clinica dello spirito”. Per il corpo e per la mente la società provvede a intervenire con strumenti e cure adeguate in caso di malattia. Per lo spirito è necessario individuare e intervenire riguardo alle numerose malattie spirituali che affliggono le persone del nostro tempo. 
Papa Francesco ha segnalato in più occasioni alcuni elenchi di malattie spirituali. Ha indicato anche la necessità, per tutti, di combatterle e di curarle. Noi ci proponiamo di essere luogo di attenzione, ascolto e cura delle malattie dello spirito.
Certo non si potranno raccontare in pubblico, ma segnaleremo comunque di volta in volta quali malattie o sofferenze dell’anima affliggono le persone del nostro tempo. Esserne consapevoli è già tanto.
Terremo poi conto di quanto nella chiesa si sta muovendo sia a livello locale che a livello diocesano e italiano, o anche addirittura mondiale. 
Siamo convinti che cogliere i segnali di futuro, che esistono, aiuti a coltivare la fiducia e la speranza, a superare le difficoltà che ci vengono da un passato che stenta a lasciare il passo al futuro, a non fidarci del solo presente anche se offre soddisfazioni e gratificazioni.
Sapendo che troveremo sostegno e aiuto in molti, ringraziamo tutti in anticipo.

p. Cristiano Cavedon, rettore

CristianoCavedon

Messaggi : 6
Data d'iscrizione : 04.01.19

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum