UOVA PASQUALI

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

UOVA PASQUALI

Messaggio  federico.meneghello il Ven 12 Feb - 7:54



Dopo il periodo della riflessione e della penitenza si abbandona quel deserto creato
in preparazione alla Santa Pasqua. Risorge Nostro Signore e si sveglia anche la natura
precisa ogni anno in prossimità di questa Festa .
Esiste un proverbio che recita “Voja o no voja Pasqua vien co eà foja”
Sui rami delle piante, che ora germogliano per poi elargire i loro frutti, e tra le messi,
che matureranno ai raggi del sole, spuntano nidi con uova di qualsiasi specie.
Uovo: simbolo della Pasqua, infatti il suo guscio è come una piccola urna includente
un disegno di vita ed è paragonabile al sepolcro dal quale il Cristo rinasce.
L’usanza di tingerle di rosso deriva dal colore della Passione.
Un tempo venivano benedette e poi offerte per buon auspicio. I primi ad adottare
l’abitudine di donare uova nei giorni Pasquali si dice fossero gli antichi Persiani come
riconoscenza verso i servitori.
Col tempo si sono ideati vari modi per abbellirle, mentre diversi materiali si prestano
per modellarne di artificiali e nell’ultimo secolo appaiono quelle di cioccolato per la
golosità di grandi e piccini. Il primo uovo decorato si attribuisce all’orafo Peter Carl
Fabergé, nel 1883 ne produsse uno, commissionato dallo zar Alessandro III per la
moglie Marija, in platino smaltato di bianco con all’interno un altro uovo d’oro
contenente una copia della corona imperiale e un pulcino dorato, da qui l’uso della
sorpresa dentro l’uovo.
Che siano vere, di cioccolato o di qualsiasi altra sostanza a Pasqua nelle nostre case e
soprattutto sulle tavole compaiono per continuare questa remota, gustosa tradizione.
avatar
federico.meneghello
Admin
Admin

Messaggi : 116
Data d'iscrizione : 10.02.12
Età : 59
Località : piove di sacco

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

UOVA

Messaggio  don.battista il Dom 14 Feb - 22:29

[quote="federico.meneghello"]

Dopo il periodo della riflessione e della penitenza si abbandona quel deserto creato
in preparazione alla Santa Pasqua. Risorge Nostro Signore e si sveglia anche la natura
precisa ogni anno in prossimità di questa Festa .
Esiste un proverbio che recita “Voja o no voja Pasqua vien co eà foja”
Sui rami delle piante, che ora germogliano per poi elargire i loro frutti, e tra le messi,
che matureranno ai raggi del sole, spuntano nidi con uova di qualsiasi specie.  
Uovo: simbolo della Pasqua, infatti il suo guscio è come una piccola urna includente
un disegno di vita ed è paragonabile al sepolcro dal quale il Cristo rinasce.
L’usanza di tingerle di rosso deriva dal colore della Passione.
Un tempo venivano benedette e poi offerte per buon auspicio. I primi ad adottare
l’abitudine di donare uova nei giorni Pasquali si dice fossero gli antichi Persiani come
riconoscenza verso i servitori.
Col tempo si sono ideati vari modi per abbellirle, mentre diversi materiali si prestano
per modellarne di artificiali e nell’ultimo secolo appaiono quelle di cioccolato per la
golosità di grandi e piccini. Il primo uovo decorato si attribuisce all’orafo Peter Carl
Fabergé, nel 1883 ne produsse uno, commissionato dallo zar Alessandro III per la
moglie Marija, in platino smaltato di bianco con all’interno un altro uovo d’oro
contenente una copia della corona imperiale e un pulcino dorato, da qui l’uso della
sorpresa dentro l’uovo.
Che siano vere, di cioccolato o di qualsiasi altra sostanza a Pasqua nelle nostre case e
soprattutto sulle tavole compaiono per continuare questa remota, gustosa tradizione.  
-------------------------LETTO E APPROVATO

don.battista

Messaggi : 487
Data d'iscrizione : 08.02.12
Età : 77
Località : Madonna delle grazie - Piove di sacco PD

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum