Invertire la prospettiva

Andare in basso

Invertire la prospettiva

Messaggio  don.battista il Mar 10 Apr - 23:43


Siamo devoti a Maria, certamente!
Vogliamo dimostrarlo con la recita del rosario, con un pellegrinaggio- visita a qualche santuario, conservando qualche immagine di Maria nella nostra casa, portando una medaglietta al collo … Da parte mia devo dire che ho passato l’ infanzia all’ombra di una chiesetta intitolata a S. Maria del Carmine; sono convinto che è stato il suo intervento a salvarmi quando cadendo dalla bicicletta in una strettoia avrei potuto finire con la testa sotto la ruota del camion che stava passando. Ma ho cercato anche di approfondire la mia conoscenza di Maria e di verificare l’autenticità del mio rapporto con Lei leggendo quand’ero in Seminario un grosso volume.
Mi chiedevo: come mai non sento la confidenza con Maria? Come mai non porto nel cuore Maria, non mi sento attratto da Lei? Sono andato a Lourdes due volte, a Fatima, ho accompagnato pellegrinaggi, ogni anno visito qualche Santuario Mariano con gli abbonati a Respice Stellam … e non sento niente di nuovo!
Dante nella Divina Commedia sottolinea la necessità della devozione a Maria:
“Donna se’ tanto grande e tanto vali, che qual vuol grazia e a te non ricorre, sua desianza vuol volare senz’ali”
Non l’ho messa da parte come se volessi volar senza ali, o se volessi ottenere grazia senza l’intercessione di Maria; solo non sentivo il calore materno , almeno allo stesso modo, se non con la stessa intensità di quello che ho provato, e provo ancora, per mia madre.
Forse i miei atti di venerazione verso Maria, mancavano di qualcosa? Mancava la gratitudine o la conoscenza o la imitazione …
Adesso mi trovo nel Santuario della Madonna delle grazie. Mi diceva D. Franco che Maria mi ha accolto nella sua casa: su per le scale dell’abitazione un volto dolce di Maria con le braccia allargate e le mani aperte sembra dirmi ‘Vieni, entra! La mia casa è la tua!’ In quel momento avevo il cuore gonfio, insensibile ad ogni invito.
Adesso che d. Franco ha cambiato casa, per telefono gli ho confidato che non sento nel cuore Maria. E qui è avvenuta l’inversione di prospettiva e mi sono sentito rispondere “ Ma è Maria che ti porta nel cuore”. Sono passati tre mesi e il pensiero di essere nel cuore di Maria diventa sempre più dominante.

don.battista

Messaggi : 534
Data d'iscrizione : 08.02.12
Età : 78
Località : Madonna delle grazie - Piove di sacco PD

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum